TIGLI: NUOVO RICORSO AL TAR
"Un altro capitolo relativo al tormentone del taglio di 68 piante"

Il tormentone-tigli è tutt’altro che chiuso. Anzi, a breve si riaprirà con un ricorso (il secondo in pochi mesi) al Tar del Comune, che ancora una volta si affiderà allo studio legale Calzolaio per ribattere le argomentazioni ministeriali. Al centro dell'attenzione il consolidamento del versante del paese indebolito da frane e smottamenti. Il Comune ha previsto l'abbattimento di decine di tigli secolari ma malati (da sostituire con piante giovani), in viale Leopardi. A lavori iniziati (il lotto è diviso in due zone: in centro storico il consolidamento è in fase avanzata), ecco il braccio di ferro tra la Giunta municipale e il comitato cittadino “Salviamo i tigli”. Battaglia a colpi di carte bollate, intervento di parlamentari, richiesta del visto ministeriale. Fatto sta che le piante sono state sul punto di essere tagliate almeno una decina di volte, ma di fatto sono ancora al loro posto. In un primo momento era stato autorizzato l'abbattimento di 68 piante poi il Ministero ha posto il vincolo. Di qui il primo ricorso al Tar dei Comuni, grazie al quale il sindaco Vecchi era riuscito a ottenere la sospensiva del decreto ministeriale.
In estate la situazione è stata oggetto di nuove valutazioni, e ancora una volta il Ministero ha dato torto al Comune. Vecchi non si dà pace: «Il dispositivo dei Tar è stato disatteso: perché?». Fatto sta che i lavori sono bloccati, col rischio di perdere contributi statali di diversi miliardi. Il tutto per una guerra paesana che, come sempre avviene in queste situazioni, si è colorata di sfondi politici: Ferruccio Vecchi (Polo) da una parte, il “nemico” storico Paolo Buccolini (Ds) dall'altra. Un braccio di ferro estenuante, sotto certi punti di vista grottesco. I cittadini si sono schierati un po' di qua, un po' di là. Una minoranza se ne infischia a causa dei toni stucchevoli che ha assunto la vicenda. Adesso sarà di nuovo scontro legale, col ricorso bis del Comune al Tar. Sabato 14 ottobre lo stesso Vecchi incontrerà la cittadinanza per fare il punto della situazione.
Viale Leopardi: quante grane! E la mediazione è sempre più lontana.

(Fabio Paci)

Resto del Carlino del 2000

Stampa questo articolo | Scarica le foto