TROPPE TASSE E SPESE NEL BILANCIO DEL 2000
"La minoranza sul documento finanziario"

Il gruppo consiliare "Montappone Nuova" ha votato contro il bilancio approvato nell'ultimo consiglio comunale. «Sono una serie di scelte negative per la collettività» afferma Paolo Buccolini, capogruppo di minoranza, «in particolare per la politica fiscale: l'aumento delle spese e quindi delle tasse con il raddoppio dell'addizionale Irpef (+55 milioni). L'aumento dello 0,5 per mille dell'ICI (+ 18 milioni) quest’anno ed altrettanto previsto per il 2001, l'aumento dell'8 per cento (+ 15 milioni) delle tariffe per la raccolta degli rsu ed un altro aumento previsto nel 2001, i 55 milioni in più di spesa solo per il servizio di nettezza urbana, rappresentano delle scelte sbagliate. L'aumento dell'indebitamento pubblico per l'accensione di prestìti per oltre 4,5 miliardi comporta una seria probabilità di disavanzo. Non è possibile non prevedere spese per la gestione della depurazione e i 45 milioni di canone per fogne e depurazione non vengono utilizzati nel settore. Molto grave», continua Buccolini, «è l'incoerenza nel settore sport e cultura, con i contributi alle associazioni passati dai 32 milioni del '98 al nulla di quest'anno. Così “La Settimana Musicale Montapponese” non si farà. Non condividiamo poi il taglio operato sui fondi di gestione delle scuole (14 mlioni rispetto al '99)».
Riguardo alle dichiarazioni del sindaco Vecchi, riportate ieri, ne riproponiamo una parte resa di difficile comprensione per un errore tipografico. «L'adeguamento delle tariffe è dettato da problemi di gestione lasciatici dalla vecchia amministrazione, come il pagamento del monteore di servizio straordinario prestato negli anni passati e da noi liquidato in accordo con sindacati e dipendenti».

(Daniela Simoni)

Resto del Carlino

Stampa questo articolo | Scarica le foto